Rotazione dell'acqua in un lavandino nei due emisferi

Un argomento ampio quanto interessante
Rispondi
Avatar utente
stefano86k
Amministratore
Messaggi: 2430
Iscritto il: mar 20 mag 2008, 12:41

Rotazione dell'acqua in un lavandino nei due emisferi

Messaggio da stefano86k » dom 27 lug 2008, 11:40

L'acqua di un lavandino ruota in sensi opposti nei due emisferi terrestri? La causa sarebbe la forza di Coriolis, agente sui corpi in moto in un sistema di riferimento rotante (come lo è la Terra). Masse d'aria si riscaldano all'equatore, diminuiscono in densità e salgono, richiamando aria più fredda che scorre sulla superficie terrestre verso l'equatore. Poiché non c'è abbastanza attrito tra la superficie e l'aria, questa non acquisisce la velocità necessaria per mantenersi in co-rotazione con la terra.
I venti che normalmente scorrerebbero verticalmente dai poli verso l'equatore sono quindi deviati dalla forza di Coriolis e danno origine a quei venti costanti noti con il nome di alisei. Nell'emisfero nord questi venti soffiano da nord-est verso sud-ovest e nell'emisfero sud soffiano da sud-est verso nord-ovest. I flussi d'aria che si sollevano all'equatore non giungono fino ai poli, poiché la forza di Coriolis costringe le correnti d'aria a muoversi in circolo intorno alle regioni polari.
Nell'emisfero settentrionale un sistema di bassa pressione ruota in senso antiorario, mentre un sistema di alta pressione ruota in senso orario, come stabilito dalla legge di Buys-Ballot; l'opposto avviene nell'emisfero meridionale.

In un lavandino il fenomeno in teoria dovrebbe ripresentarsi. In alcuni Paesi a cavallo dell'Equatore viene a volte presentato ai turisti un esperimento che dimostrerebbe come spostandosi di pochi metri a nord o a sud della linea equatoriale cambierebbe il senso di rotazione di un vortice in una vaschetta.
Si tratta in realtà di una leggenda metropolitana. Sebbene l'effetto che si ottiene calcolando l'azione della forza di Coriolis in un sistema ideale l'effetto di questa è infatti diversi ordini di grandezza inferiore rispetto a molti altri contributi, come la geometria della vasca e dello scarico, l'inclinazione del piano e soprattutto il movimento che aveva inizialmente l'acqua, che sono i veri responsabili del senso di rotazione del mulinello, che quindi è casuale. E' facile trarre in inganno i turisti di cui sopra imponendo un leggero movimento rotatorio nel senso desiderato muovendo opportunamente ed impercettibilmente la vaschetta.


Rispondi